NomeUtente:  Password:  
Una legge per le discipline bio Naturali: Introduzione...
Una Legge Per Le Discipline Bio Naturali | Indice | Modifiche | Commenti | Utenti | Registrazione |
 

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO NATURALI


Vi invitiamo a firmare la petizione sul sito a questo link :http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/


Tutti possono partecipare alla stesura della proposta di Legge di iniziativa popolare.
Occorre solo registrarsi dal link : Registrazione


Una volta attivato il vostro account potete inviare i vostri commenti e le proposte di integrazione al testo che troverete nel sito tramite il pulsante "[Inserisci Commenti – Inserisci proposte integrative se sei un utente registrato]" che trovate al termine di ogni pagina.


La Legge si compone di diverse sezioni qui sotto riportate.
Volutamente abbiamo deciso di creare una pagina per ogni articolo della Legge, per rendere più semplice il lavoro di aggiornamento.




LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE


FASE 1
ART.1 FINALITA' E OGGETTO DELLA LEGGE
ART.2 ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE PILOTA PER LA DEFINIZIONE E LA INDIVIDUAZIONE DELLE DISCIPLINE BIO-NATURALI DA RICONOSCERE
ART.3 DEFINIZIONE DI PROFILI E COMPETENZE DEGLI OPERATORI DELLE DISCIPLINE BIO-NATURALI AD OPERA DELLA COMMISSIONE PILOTA


FASE 2
ART.4 ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PERMANENTE DELLE MEDICINE E DELLE PRATICHE NON CONVENZIONALI
ART.5 CREAZIONE DI UN ELENCO COMPLETO DELLE DISCIPLINE BIO-NATURALI RICONOSCIUTE
ART.6 SISTEMA DI ACCREDITAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE SOCIETA' SCIENTIFICHE DI RIFERIMENTO PER LE MNC


FASE 3
ART.7 INDIVIDUAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI RELATIVI AD OGNUNA DELLE DISCIPLINE RICONOSCIUTE
ART.8 DEFINIZIONE DEGLI INSEGNAMENTI DA INSERIRE NELLE SCUOLE DI NATUROPATIA E NEI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI
ART.9 ACCREDITAMENTO DELLE FIGURE PROFESSIONALI FORMATESI PRIMA DELLA ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE PROPOSTA DI LEGGE


FASE 4
ART.10 ISTITUZIONE DI REGISTRI PROFESSIONALI
ART.11 INTEGRAZIONE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA'




Per qualsiasi necessità potete contattarci qui :
mailto:info@unaleggeperledisciplinebionaturali.it


TUTTI I TESTI CONTENUTI IN QUESTO SITO NON POSSONO ESSERE RIPRODOTTI SENZA AUTORIZZAZIONE


 
Non vi sono file da visionare per questa pagina.[Mostra files/form]
Commenti [Nascondi i commenti - proposte integrative ]

vorrei qui esprimere alcune considerazioni in qualità di medico “convenzionale”, anche se questo termine non significa nulla perchè ogni medico esercita la professione come crede, direi semplicemente medico abilitato e iscritto all'albo.
la proposta è interessante e certamente cerca di colmare un vuoto legislativo preoccupante...
tuttavia credo che uno dei principali limiti dell'organizzazione sanitaria attuale sia proprio la dispersione dei servizi offerti al cittadino e il gran numero di figure professionali differenti, senza che ci sia integrazione e coordinazione tra le varie figure e discipline. sogno una medicina “integrata”, che offra ad ogni persona un aiuto serio ai problemi di salute attraverso tutti gli strumenti utili e con la collaborazione di tutte le diverse figure professionali, a prescindere dalla convenzionalità o meno. sono convinta che la gestione della salute non possa essere dettata dalla logica di mercato, in cui ognuno sceglie tra le varie offerte quella che più gli piace, troppo spesso senza un'informazione adeguata, come avviene ora, sia tra la medicina ufficiale e quelle alternative sia all'interno della medicina ufficiale, in cui ognuno promuove la propria terapia in concorrenza con le altre...
non vi tedio oltre, anche perchè probabilmente non è questo il luogo adatto per le mie riflessioni, non ne ho trovato uno migliore, spero mi scuserete.

-- StefaniaGiacomini? (2010-07-14 12:37:51)

Cara Stefania grazie per la tua riflessione.
Premesso che il termine medicina non convenzionale è quello prevalente nel contesto istituzionale europeo, adottata sia dal Parlamento Europeo (Parlamento Europeo, Risoluzione n.75/1997 del 29/05/1997) sia dal Consiglio d’Europa (Consiglio d’Europa, Risoluzione n.1206/1999 An European approach to non conventional medicines) per cui non è una nostra scelta, questa proposta di legge desidera proprio quello che ci hai scritto : una “medicina integrata”.
L'idea di una legge popolare per le medicine non convenzionali è nata solo ed unicamente per dare libertà di scelta terapeutica e legittimità alle Medicine Non Convenzionali in Italia, ricordando a tutti che la proposta di legge popolare presentata non è contro la medicina ufficiale, non quindi uno spirito di offesa bensì di valorizzazione di tutti i percorsi, dove le conoscenze di cura coesistono, non limitandosi alla mera tolleranza ma integrandosi con amore per il bene dell'uomo. Uomo inteso nella sua completa espressione : fisica, mentale e spirituale. L'intento è il riconoscimento istituzionale delle Medicine non Convenzionali praticabili da operatori opportunamente preparati, a prescindere dalla loro appartenenza alla categoria medica, in ambiti di competenza chiari e ben definiti (in linea con le direttive comunitarie). L' Organizzazione? Mondiale della Sanità (OMS) a tal propostito scrive : «Gli operatori della salute non medici devono essere considerati una risorsa sostenibile e di valore per tutti i paesi del mondo e l’utilizzo di questi operatori nel sistema primario della cura, in stretta collaborazione con gli operatori della medicina convenzionale, contribuisce ad ottenere sistemi di salute più pratici, efficaci, e culturalmente accettabili. Beneficiare del meglio della medicina non convenzionale e di quella convenzionale e di una collaborazione efficiente e fattiva tra i due campi, è un diritto irrinunciabile del cittadino e della comunità”.
Un grande abbraccio di luce e ci auguriamo di poter contare anche sul tuo aiuto così come di tutti coloro che leggeranno questo testo.
Emanuel Celano

-- SpazioSacro? (2010-07-14 13:01:11)

A questo proposito è importante ricordare un’apertura contenuta nella definizione di salute data nel 1948 dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute): la salute non è solo assenza di malattia ma anche un benessere dal punto di vista fisico, mentale e sociale. Questo significa che la salute è un concetto ampio che comprende il corpo e l’anima e dunque che non si può considerare solo come benessere fisico……
Quindi si deve intendere ben-essere nella sua totalità, la Biodanza che io, e tanti altri nel mondo praticano come disciplina a mediazione corporea come viene inserita in questo progetto di legge? Premetto cheTra il 2002 (prima legge del Piemonte) e il 2008 (ultima legge dell’Emilia Romagna) sono state
approvate dai Consigli Regionali ben 10 leggi per la tutela e la promozione delle DBN. Di queste
solo 2 sono sopravissute al ricorso del Governo presso la Consulta e sono in corso di attuazione
(Lombardia e Toscana), con due percorsi e modalità di attuazione diversi e, per molti aspetti,
complementari. Mariagrazia Astarita

-- MariagraziaAstarita? (2012-12-04 12:38:51)

Cara Mariagrazia abbiamo inserito la tua nota al punto 1.2. Grazie !
Una delle motivazioni più forti che fino ad oggi ha diviso le scuole di naturopatia italiane e le più importanti organizzazioni o coordinamenti nazionali che si sono occupati del riconoscimento delle discipline bio-naturali e della figura del naturopata, è stata proprio la definizione dei profili e delle competenze. Ognuno desiderava imporre la propria scelta sulle altre, per conferire legittimità al suo metodo e alle sue discipline. Ecco perchè la nostra proposta è controcorrente e chiede nel testo di legge l'istituzione di una Commissione Pilota a cui parteciperanno tutti i rappresentati del nostro settore, per discutere insieme in modo collaborativo e votare al termine dei lavori in modo democratico. Il lavoro della Commissione Pilota continuerà poi nella Commissione Permanente grazie ai suoi rappresentanti. Quindi non viene deciso nulla prima !
Un grande abbraccio! Emanuel

-- SpazioSacro? (2012-12-04 16:20:56)

Va bene creare una legge e credo che stiamo sulla strada giusta!
Bisogna però fare attenzione che non diventi un boomerang..!
Potremmo correre il rischio di cadere nella trappola dei criteri di selezione del sistema per quanto riguarda le figure professionali ed i protocolli di ricerca facendo un favore alla classe medica ed alla sua lobby...!
Dovremmo restare distanti evitando il conflitto di interessi, accontentandoci di un «gradino più basso»...godendoci la libertà e la sacralità dei nostri Principi Olistici.

-- TaoCentroRicercaOlistica? (2013-03-13 18:24:50)

Per favore la preghiamo di leggere con attenzione quello che si trova in questo sito per accorgersi che la sacralità viene assolutamente rispettata.
Se vi sono punti che le risultano dissonanti la invitiamo ad elencarli con precisione affinchè tutti possano comprendere ...


Ad esempio abbiamo già risposto qui : http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/critiche.php a questa domanda :
«Perché chiedere a gran voce il riconoscimento di qualcosa che si può già praticare senza alcuna legge? La Nuova Legge sulle Professioni Non Regolamentate lascia libero l’individuo, il lavoratore, l’operatore, il professionista di aderire o meno! Il mio consiglio è di non aderire. Esercitate la vostra professione con coscienza, aderendo a codici etici universalmente riconosciuti, con serietà e onestà. Oggi siamo liberi… siete sicuri di volere delle catene?»


Non si tratta di salire o scendere dei gradini ma di guardare all'integrità di quello che viene proposto.
Luce al Cammino,
Emanuel

-- SpazioSacro? (2013-03-13 20:52:22)

Per chi non ha tempo di leggere la pagina sopra indicata :


La Legge n. 4 del 2013, entrata di recente in vigore, prevede che i professionisti non iscritti ad albi od ordini né in Camera di Commercio, debbano indicare la dizione “professionista di cui alla legge 4/2013″ in ogni documento o rapporto scritto con il cliente e che l’inadempimento di questa norma rientra tra le pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori, ed è sanzionabile ai sensi del medesimo codice. Tra i documenti o rapporti scritti con i clienti rientrano anche i documenti fiscali, come le fatture ecc. Nel caso in cui il professionista sia iscritto ad una Associazione Professionale va indicato inoltre: “nome dell’associazione a cui è iscritto e numero di iscrizione”.


Questo significa che chiunque svolga una professione non regolamentata dovrà OBBLIGATORIAMENTE contraddistinguere la propria documentazione con la dizione “professione disciplinata alla Legge 4 del 2013”. Si aggiunga inoltre che non esistendo confini su quali professioni debbano attenersi a questa disposizione, di fatto la Stato induce le persone a ritenere legittimate tutte le professioni attuali anche quelle di dubbio valore morale che sono già presenti o che potrebbero nascere improvvisamente.

-- SpazioSacro? (2013-03-16 09:38:25)