NomeUtente:  Password:  
Una legge per le discipline bio Naturali: articolo03...
Una Legge Per Le Discipline Bio Naturali | Indice | Modifiche | Commenti | Utenti | Registrazione |
 

ART.3 DEFINIZIONE DI PROFILI E COMPETENZE DEGLI OPERATORI DELLE DISCIPLINE BIO-NATURALI AD OPERA DELLA COMMISSIONE PILOTA


Art. 3.1


Il compito della Commissione Pilota, in questa seconda fase, sarà quello di definire i profili e le competenze degli operatori delle discipline bio-naturali, sulla base della lista di discipline bio-naturali appena approvata dalla commissione stessa, nelle modalità definite nell'articolo 2.
La Commissione avrà 6 mesi di tempo per svolgere tale compito.


Art. 3.2


Tutti i membri della Commissione Pilota parteciperanno ai lavori.
Per limitare le spese ed essere maggiormente produttivi verrà utilizzato un sito web protetto con funzioni avanzate che permetteranno il lavoro online di tutti i componenti. Sarà così possibile discutere insieme in modo collaborativo tramite il computer.
Verrà creata una sezione interattiva per ogni disciplina e nominato un moderatore della sezione in base alle competenze personali (valutando i curricula formativi dei candidati a ricoprire tale ruolo).
Al termine dei 6 mesi verrà indetta una seconda riunione per una votazione collettiva.
La votazione avrà luogo in sessione unica ed il voto di ogni membro della Commissione Pilota avrà un valore proporzionale al numero di associati che rappresenta.


Art. 3.3
La Commissione Pilota terminato il compito definito ai punti 3.1 e 3.2 si incontrerà nuovamente per eleggere i suoi rappresentanti alla Commissione Permanente delle DISCIPLINE BIO-NATURALI, come indicato nell'articolo 4.2
La Commissione Pilota rimarrà attiva anche dopo l'Istituzione della Commissione Permanente delle DISCIPLINE BIO-NATURALI ed avrà il compito di eleggere ogni 5 anni i suoi rappresentanti nella Commissione Permanente, nonchè di effettuare un lavoro di controllo e di supporto a quest'ultima.


Art. 3.4


... (aiutaci ad integrare questo testo. Registrati ed inserisci la tua proposta integrativa dal link a fondo pagina COMMENTI )



PRESEGUI :
ART.4 ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PERMANENTE DELLE MEDICINE E DELLE PRATICHE NON CONVENZIONALI


 
Non vi sono file da visionare per questa pagina.[Mostra files/form]
Commenti [Nascondi i commenti - proposte integrative ]

Il Singolo corso di Massaggio non dovrebbe avere valore se non all'interno di una Scuola Seria di Competenza Professionale in Naturopatia
cioè una persona può farlo ma non praticare, ad ognuno il suo compito e riconoscimento professionale .
Naturopata cioè un minimo di 1200 ore di scuola
1 liv Operatore Discipline Bio naturali il soggetto che consegue meno di 700 ore di corso specifico per es Riflessologia Plantare,
Reiki altre pratiche manipolative energetiche TUINA Shiatzu ecc 
2 liv Naturopata generale Percorso Personale di benessere conoscenze Globali 5 CAM dalle 700 alle 1200 ore di corso
3liv Naturopata specifico in una delle 5 CAM 1500 ore

-- AntonellaStabon? (2008-11-20 13:53:55)

Cara Antonella grazie per il tuo contributo.
Ho inserito parte del tuo testo nell'articolo 7 sulla INDIVIDUAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI .


Un abbraccio di luce ed un sentiero di pace,
Emanuel

-- SpazioSacro? (2008-11-20 18:08:53)

Quello che non capisco è perchè il Naturopata debba essere considerato più importante delle altre figure...
Sono daccordo che ci siano corsi amatoriali e corsi professionali, ma perchè solo in naturopatia?
Tre sono le cose che mi vengono in mente su questa proposta:
1. Ok ci sono corsi che hanno meno di 700 ore e non possono essere considerati professionalizzanti di per sè, ma non potrebbero essere considerati come aggiuntivi, di aggiornamento e quindi portando ore da sommarsi anche se non appartenenti a una scuola vera e propria? Cioè io per es. ho fatto alcuni corsi, importanti e validi che però non hanno una scuola qui in italia (per fare un es.: l'Applied Physiology che è una branchia della kinesiologia, non ha una scuola e neanche un percorso triennale, ma il Dott. Richard Utt è molto conosciuto in tutto il mondo e spesso se non sempre presente nei convegni internazionali di kinesiologia, altri operatori di questo genere sono Antonio Librale e il Dott. Albert Garoli).
2. un percorso in tuina, shiatsu, kinesiologia, osteopatia non possono essere considerati inferiori al naturopata quando fanno dei percorsi che vanno da 3 a 6 anni prevalentemente incentrati nella loro materia e con approfondimenti nelle altre materie; soprattutto visto che ci sono dei Naturopati che possono professare di praticare tali pratiche manuali (es.: shiatsu) dopo aver frequentato corsi di 5 weekend massimo... Anche perchè una tecnica manuale richiede maggior precisione che consigliare una corretta alimentazione, un fitoterapico o fiore di bach, visto che se sbagli una manovra puoi provocare seri danni. (poi nn dico che con la fito ciò non sai possibile sia ben chiaro, ma la manualità va ben osservata, seguita e imparata).
3. A mio giudizio è auspicabile una formazione continua, anche dopo le 1500 ore di scuola. Le 1500 ore devono essere un limite minimo semmai, ma non un massimo per cui la persona dopo si può sentire a posto per tutta la vita. Tra l'altro il mio dubbio è che, almeno qui in italia, non ci sia anche un reale approfondimento dei vari argomenti, almeno non in tutti i campi... spesso la formazione si limita a una formazione di “base” più o meno approfondita.

-- ValerioFolloni? (2008-12-02 15:24:38)

Caro Valerio hai fatto un intervento importante che stiamo distutendo nell'articolo 7, quello che riguarda la formazione.
All'articolo 3 stiamo operando solo una dichiazione di intenti.
Comunque, per risponderti, sono convinto anche io che un percorso di conoscenza in un settore così ampio e complesso non può considerarsi concluso con poche ore di formazione e quindi sarebbe più giusto parlare di formazione continua, ma come potrai vedere nell'articolo 7 stiamo cercando di definire una base di partenza e non un arrivo. Questo argomento comunque merita ulteriori approfondimenti e mi auguro che anche altri intervengano (per favore, se si vuole parlare di formazione, non qui ma alla pagina dell'articolo 7).
Grazie ancora,
Emanuel

-- SpazioSacro? (2008-12-03 09:12:17)

ok, scusa... ero in risposta al commento... appena ci arrivo commenterò qualcosa anche li sulla base delle discussioni ;-) grazie e a presto

-- ValerioFolloni? (2008-12-03 13:52:33)

Di nulla. Grazie ancora.

-- SpazioSacro? (2008-12-03 19:34:20)

allego profilo professionale dell'operatore tuina-qigong così come la nostra associazione OTTO era riuscita ad inserirlo nella Legge Lucchese: E' individuata la figura professionale dell'operatore Tuina-Qigong.
L'operatore Tuina-Qigong è l'operatore che, in possesso di diploma di formazione professionale, opera autonomamente o in collaborazione con altre figure professionali applicando le tecniche della tradizione cinese Tuina e Qigong, per migliorare la qualità della vita, incrementare la vitalità, allentare lo stress, suggerire stili di vita più sani.


La sua azione è volta a migliorare la circolazione del Qi (bioenergia riconosciuta dalla tradizione cinese) e l'azione pneumatica del Qi sui fluidi corporei, sciogliendo i ristagni energetici a livello generale o localizzato.


A tal fine l'operatore Tuina-Qigong:
Usa tecniche manuali Tuina con o senza l'ausilio degli strumenti tradizionali (coppette di vari materiali con o senza magneti, martelletto o bastoncini di legno, martelletto fior di prugna, ossa di tartaruga o altro strumento idoneo allo sfregamento superficiale “Guasha”, moxa ed altri strumenti non perforanti comunemente usati come ausilio alla tecnica).


Insegna al cliente automassaggi ed autostimolazione dei punti energetici anche attraverso l'interposizione di semi di vaccaria o altri semi, sferette o piccoli magneti, martelletto ed altri strumenti ad uso esterno.


Insegna tecniche di movimento dolce, respirazione e meditazione (Qigong).


Consiglia sullo stile di vita e sulla dietetica secondo i principi della tradizione cinese.

-- GiuliaBoschi? (2009-02-08 22:03:05)

Cara Giulia grazie nuovamente per il tuo contributo.


Vorrei tuttavia che questo spazio non fosse luogo di PUBBLICITA' PERSONALE ma di contributo concreto per integrare quanto già scritto.


La definizione dei profili sarà un lavoro successivo della commissione pilota.
Per cui, adesso, concentriamoci sul testo della legge e non sulle competenze di una disciplina senza poi dare alcuna indicazione di aggiunta o modifica a quanto già scritto.


Che la pace sia con noi !
Buona giornata,
Emanuel

-- SpazioSacro? (2009-02-09 08:19:16)

buonasera, vedo che i commenti sono pochi e “datati”.... a che punto siamo??
sarebbe molto importante creare un albo che riconosca la professione, tante più persone si avvicinerebbero se avessero la possibilità di mettere nella dichiarazione dei redditi le ricevute fiscali per poter avere la detrazione

-- JessicaVaccherelli? (2015-08-09 23:14:08)

Cara Jessica grazie per aver commentato.
Le firme continuano : http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/firme.php e gli articoli anche : http://unaleggeperledisciplinebionaturali.it/notizie/
Fosse per me vi sarebbe già la legge! Fai del tuo meglio per promuovere questo impegno ( facendo firmare tutti i tuoi conoscenti), io sono anni che continuo... Buona giornata e grazie !

-- SpazioSacro? (2015-08-10 09:34:53)